Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

WILLIAM SHATNER

Come Attore: [ 48 Film ]

The Butler's Night Off (1951)
Oedipus Rex (1957)
The Explosive Generation (1961)
L'ODIO ESPLODE A DALLAS (1962)
L'OLTRAGGIO (1963)
...E VENNE L'ORA DELLA VENDETTA (1968)
FBI E LA BANDA DEGLI ANGELI (1974)
F.B.I. e la banda degli angeli (1974)
IL MALIGNO (1975)
PUSSY LA BALENA BUONA (1976)
Kingdom of the Spiders (1977)
Land of No Return (1978)
S.O.S. MIAMI AIRPORT (1978)
The Third Walker (1978)
STAR TREK (1979)
RAPIMENTO DI UN PRESIDENTE (1980)
DELITTO AL CENTRAL HOSPITAL (1982)
L'aereo più pazzo del mondo... sempre più pazzo (1982)
STAR TREK II - L'IRA DI KHAN (1982)
Star trek ii (1982)
L'AEREO PIU' PAZZO DEL MONDO... SEMPRE PIU' PAZZO (1982)
STAR TREK III - ALLA RICERCA DI SPOCK (1984)
Star trek iii (1984)
Rotta verso la Terra (1986)
STAR TREK IV - ROTTA VERSO LA TERRA (1986)
STAR TREK V - L'ULTIMA FRONTIERA (1989)
Star trek v (1989)
STAR TREK VI - ROTTA VERSO L'IGNOTO (1991)
Star trek vi (1991)
Rotta verso l'ignoto (1991)
PALLE IN CANNA (1993)
Star Trek: Generazioni (1994)
GENERAZIONI (1994)
Preso di mira (1998)
Free Enterprise (1998)
MISS DETECTIVE (2000)
Falcon Down (2001)
Shoot or Be Shot (2002)
AMERICAN PSYCHO 2 - ALL AMERICAN GIRL (2002)
SHOWTIME (2002)
Visitor (2002)
PALLE AL BALZO - DODGEBALL (2004)
Miss F.B.I. - Infiltrata speciale (2005)
MISS FBI: INFILTRATA SPECIALE (2005)
Star Trek (2009)
Horrorween (2011)
A Christmas Horror Story (2015)
A Sunday Horse (2015)
Come Regista: [ 3 Film ]

STAR TREK V - L'ULTIMA FRONTIERA (1989)
Star trek v (1989)
Visitor (2002)

WILLIAM SHATNER Biografia Di: Paolo
Nato a Montreal, in Canada, il 22 marzo 1931, William Shatner inizia a recitare fin dalla tenera età. Dopo aver conseguito la laurea in Economia e Commercio, presso la prestigiosa McGill University di Montreal, decide di dedicarsi anima e corpo all'attività teatrale. Lavora per le compagnie canadesi più rinomate, arrivando al successo con la messinscena di "Tamburlaine" (1954). Il 1956 segna il suo debutto televisivo, seguito due anni più tardi da quello cinematografico: "Karamazov" di Richard Brooks. Nel suo secondo film, "Vincitori e vinti" (1961) di Stanley Kramer, è l'aiuto ufficiale Harryson Byers dell'anziano giudice al processo di Norimberga, magistralmente interpretato da Spencer Tracy. Poi è protagonista dell'anonimo film giovanilistico "The Explosive Generation" (1961), dove impersona il giovane docente universitario Peter Gifford.
Fine prima parte

 
Commenti inseriti: 7
Autore: William ShatnerVincitori e vinti - 2006-02-10
regia Stanley Kramer 1961
William Shatner ha partecipato come attore non protagonista al film Vincitori e vinti: il processo di Norimberga interpretando un capitano nel processo, nonostante non venga menzionato.


Autore: PaoloUn grande attore sottovalutato nei primi anni sessanta - 2006-06-25
Prima di assumere un ruolo da protagonista sul grande schermo con “The Explosive Generation” (1961), William Shatner si è fatto conoscere sul circuito televisivo per alcune sue prestigiose apparizioni in serie tv di alto livello quali “One Stop Beyond”, “Thriller” e “Ai confini della realtà”. Proprio in quest’ultima si è distinto, interpretando due diversi ruoli in un episodio della seconda stagione e in un altro della quinta.
Infatti è il giovane e superstizioso sposino Don Carter in “Nick of Time” (1960), il cui azzeccato titolo in italiano è “Appena in tempo”, imbattutosi in un aggeggio infernale in grado di predire il futuro.
Nel secondo, l’inedito “Nightmare at 20,000 Feet” (1963), impersona Robert Wilson, un uomo appena uscito da un sanatorio per curare un grave esaurimento nervoso.
Sull’aereo che lo sta riportando a casa, dovrà di nuovo fare i conti con le sue nevrosi, cercando di stabilire se siano reali o meno e convincere passeggeri ed equipaggio della sua buona fede.
Questa rimane una delle migliori prove televisive in assoluto dell’attore, dove la paura per l’ignoto gli ha permesso di gestire al meglio l’incredibile mimica facciale che lo ha sempre contraddistinto.
Nel 1962 arriva l’ingaggio cinematografico che lo avrebbe reso popolare, quello del turpe razzista Adam Cramer in “L’odio esplode a Dallas” di Roger Corman.
Malgrado la sgradevolezza delle azioni compiute dal suo personaggio, Shatner si è impegnato a renderlo interessante con atteggiamenti e gestualità degne dei veterani più consumati di Hollywood.
Erano gli anni dell’integrazione scolastica fra studenti bianchi e di colore e il regista non voleva farsi sfuggire l’opportunità di scriverci attorno una trama, magari basandosi su un romanzo scritto da Charles Beaumont.
Vedere Shatner giungere nella sonnolenta cittadina dove crea scompiglio è come vedere un diavolo invadere un territorio tranquillo ed esente dal male.
Questo è solo uno dei tanti indovinati spunti che stanno alla base della solida trama del film.
Purtroppo il film non è stato del tutto compreso o, è questa potrebbe essere la risposta più ovvia, anticipa quello che poi in effetti sarebbe accaduto.
Nel 1964 è un giovane prete nel film psicologico, mascherato da western, “L’oltraggio” di Martin Ritt.
Qui ha l’opportunità di lavorare con grandi attori come Paul Newman, Edward G. Robinson, Laurence Harvey e Claire Bloom, con la quale aveva già recitato in “Karamazov” (1958).
L’anno dopo l’apparente svolta, perché viene chiamato ad impersonare il ruolo principale del procuratore distrettuale David Koster nella breve serie giudiziaria “For the People”, e per il ruolo da protagonista nel film fantastico sperimentale, poiché i suoi dialoghi sono interamente in esperanto, “Incubus” (1965).
Stranamente questi suoi importanti lavori passano pressoché inosservati, fino a quando non viene contattato dal produttore Gene Roddenberry, che pensa di affidargli il ruolo dell’indomito e romantico rubacuori capitano James Tiberius Kirk nella serie tv di fantascienza “Star Trek” (1966-1969).
Con il passare del tempo e l’inizio delle repliche, la trasmissione diviene oggetto di culto in tutto il mondo e Shatner acquista di diritto la popolarità che in precedenza gli era sempre stata negata.
Verso la fine della seconda stagione della serie, si concede una pausa dal set per passare nuovamente al cinema, interpretando un doppio ruolo nel film western di produzione spagnola “…e venne l’ora della vendetta” (1968) di Josè Briz.
Fine della seconda parte



Autore: Paolo - 2006-06-30
Il tv-movie "Groom Lake", girato ed interpretato da William Shatner nel 2002 (da un pò di tempo uscito in dvd anche qui da noi con il titolo "Visitor"), rappresenta quanto di peggio possa esserci nel panorama dei prodotti televisivi americani. Nella foga di dar vita ad una storia incentrata su avvistamenti ed incontri alieni, Shatner ha deluso ogni aspettativa regalandoci un noioso ed inconcludente film. Ha fatto di meglio con "Star Trek V l'ultima frontiera" del 1989 e, considerando proprio quel suo debutto in cabina di regia, il confronto non regge affatto.

Autore: Leronard NimoyIl grande ritorno in tv dell'attore William Shatner - 2006-10-28
Negli ultimi anni William Shatner ha continuato a lavorare incessantemente in televisione. Dopo che la sua immagine d’attore prestigioso è stata intaccata dall’insuccesso del suo secondo film da regista, “The Visitor” (2002), da lui strenuamente difeso per le tematiche sociali inserite, è apparso nella serie giudiziaria “The Practice” (2003) con il ruolo ricorrente dell’imbolsito ma simpatico Danny Crane. La sua interpretazione è talmente convincente da valergli un “Emmy Award”, il più importante riconoscimento dato per le trasmissioni televisive negli Stati Uniti. Il personaggio di Danny Crane ritorna nella nuova serie “Boston Legal” (2004), ideale seguito della precedente. Stavolta Shatner viene insignito dell’ambito “Golden Globe”, statuetta che viene destinata ai soli attori di televisione che si sono distinti in modo particolare.
Per saperne di più, potete seguire la prima stagione di “Boston Legal” su Sky, sintonizzandovi sul canale 112 di Fox Crime.


Autore: Il vero William Shatner italianoLa mia biografia più vicina al reale - 2006-10-28
L’attore canadese William Shatner studia alla McGill University di Montreal. Nella stessa scuola partecipa a corsi teatrali allestiti al campus, finendo poi per recitare per la “Mount Theater Company”. Conclusi gli studi nel 1952, all’età di 21 anni, Shatner lavora per il “Repertory Theater” ad Ottawa. Tra le sue migliori interpretazioni sul palcoscenico vanno ricordate “Il mercante di Venezia” e “Enrico V”. Proprio grazie a queste performance vince un premio come “miglior giovane promessa teatrale”. Firma un contratto settennale con la 20th Century Fox, in seguito disdetto con il versamento di una penale. Nel 1956 sposa Gloria Rand, dalla quale avrà 3 figlie: Leslie, Lisabeth e Melanie. Il suo esordio cinematografico risale al 1957 con il film drammatico “I fratelli Karamazov” di Richard Brooks, uscito nelle sale l’anno seguente. Parallelamente impara ad andare a cavallo e ad usare il lazzo, divenendo un appassionato d’equitazione. A Broadway partecipa ad alcuni spettacoli di successo quali “The Secret Life of Suzie Wong”, “A Shot in the Dark” e “L’Idiote”.
Tra il 1966 e il 1969 impersona il capitano Kirk nella serie tv “Star Trek”, che lo rende poi popolare.
Durante la lavorazione degli episodi divorzia dalla Rand e riceve la notizia della morte del padre.
Nel 1970 è protagonista di un film tv, “The Andersonville Trial”, diretto dal collega George C. Scott.
Nel 1982 riscuote nuovamente i favori del pubblico televisivo con la serie poliziesca “T. J. Hooker”, che interpreta lungo quattro stagioni.
Tra il 1989 e il 1996 presenta il documentario “Rescue 911”, che propone una serie di salvataggi di persone compiuti in condizioni critiche.
Dal 1994 in poi collabora con lo scrittore Ron Goulart alla stesura del romanzo fantascientifico “Tekwar”.
Tale romanzo sarà rappresentato in un ciclo di film per la tv aventi come interprete lo stesso Shatner, che si riproduce anche come occasionale regista.
Nel 1997, dopo aver divorziato dalla seconda moglie Marcy Lafferty, sposa Nerine Kidd, tragicamente scomparsa nell’estate del 1999.
Dopo la morte del collega DeForest Kelley (1999) e di James Doohan qualche anno più tardi, cade in uno stato depressivo dal quale fuoriesce grazie alla fotomodella Elisabeth Sue Martin, con la quale poi convola a quarte nozze. Tra le sue più interessanti interpretazioni cinematografiche pre-Star Trek ci sono titoli quali “Vincitori e vinti” (1961) e “L’odio esplode a Dallas” (1962).
Dopo il debutto in regia con “Star Trek V l’ultima frontiera” (1989), quinto capitolo cinematografico di una saga iniziata nel 1979 sempre nei panni del comandante Kirk, è co-protagonista e di nuovo regista di un film tv intitolato “Groom Lake” (2002), rititolato per l’Italia “The Visitor”.


Autore: Leonard NimoyWilliam Shatner ora cosa fa? - 2006-11-02
Cosa sta facendo ora William Shatner? Sembra che farà una partecipazione straordinaria nel film dell’orrore “Horrorween”, presumibilmente pronto per i principi del 2007. Oltre ad impersonare l’avvocato Danny Crane nella serie tv “Boston Legal”, attualmente trasmessa su Sky, darà vita al personaggio del giornalista Norman Kelly nella miniserie di produzione canadese “Everest 82”. Nelle nostre sale è giunto il film d’animazione, prodotto dalla Dreamworks di Steven Spielberg, “La gang del bosco”, dove Shatner doppia il personaggio di Ozzie. Inoltre l’attore sta pensando, forse questo è un passo falso, di dare un seguito al suo secondo film da regista, il brutto “Visitor” del 2002. Potrebbe, invece, avere una piccola parte in “Star Trek XI”, la cui ufficialità della direzione è affidata al regista J. J. Abrams. Per esserne sicuri dobbiamo aspettare almeno un anno, quando ormai il film sarà probabilmente pronto per essere distribuito nelle sale.

Autore: Sergio2 titoli con William Shatner - 2006-11-04



“Falcon Down” con Dale Midkiff, William Shatner, Judd Nelson, Cliff Robertson, Jennifer Rubin, Mark Riley, Dean Biasucci.
USA 2001.
Regia di Philip Roth.
Genere : Fantascienza / avventura.
La trama : Il maggiore dell’aeronautica militare Robert Carson (William Shatner) incarica il pilota d’aviazione a riposo Hank Thomas (Dale Midkiff) di recuperare un velivolo ultratecnologico, finito in mani sbagliate.
Colpo di scena finale.
Il giudizio : Per gli amanti del genere può risultare un tv-movie di pura evasione, che si avvale della presenza di qualche attore di buon nome.
“Visitor” con Dan Gauthier, Amy Acker, William Shatner, Tom Towles, Dick Van Patten.
USA 2002.
Regia di William Shatner.
Genere : Fantascienza.
La trama : Una ragazza affetta da un male incurabile, giunta in una cittadina dell’Arizona assieme al suo ragazzo, viene aggredita, soccorsa e poi sequestrata.
Il fidanzato penetra nella base militare nella quale è rinchiusa.
Entrambi faranno una scoperta sconvolgente.
Il giudizio : La seconda regia di William Shatner, qui anche in veste d’attore, non convince e delude.
Un’occasione sprecata.


film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it