Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

VIOLENZA SEGRETA

GenereDRAMMATICO
Anno1963
Durata105m
PaeseITALIA
Ispirato aDAL ROMANZO "SETTIMANA NERA" DI ENRICO EMANUELLI
 
RegiaGIORGIO MOSER
Attori
ALEXANDRA STEWART
ENRICO MARIA SALERNO
DAVID ABRAMO
GIORGIO ALBERTAZZI
SERGIO RICCIARDI
VITTORIO SANIPOLI
ROSIE ZICHEL

Ricerca il film su DVD

Trama VIOLENZA SEGRETA
Somalia 1958 - Enrico, giovane esploratore, è invitato una sera a casa di Farnenti, proprietario di bananeti, ex gerarca fascista, senza scrupoli morali. Questi tratta i suoi servi somali come un buon allevatore tratta le sue bestie. Fra di essi c'è una ragazza, Regina, che gli fa da cameriera e amante. Questa colpisce Enrico e Farnenti, notata la cosa, dovendo partire per un po', gli lascia la casa e la ragazza. Enrico, preso da Regina, va da lei per varie sere, abbandonando la sua amica Elisabetta, ma la ragazza gli si concede come cosa inerte. Una forma di rimorso per questa specie di abuso prende Enrico che racconta ogni cosa all'Avv. Contardi. Questi, pur educando e istradando i giovani somali, se ne è servito per i suoi bassi istinti. Egli però, dotato di una certa sensibilità, sente lo schifo delle violenze morali commesse da lui e dagli altri, velate dalla ipocrita veste delle buone azioni, e per il rimorso si uccide. La sua morte apre gli occhi di Enrico, che comprende il male che si commette laggiù

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it