Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

IL PORTO DELLA SPERANZA

GenereCOMMEDIA
Anno1955
Duratam
PaeseITALIA
 
RegiaVINCENZO LIBERTI
Attori
GINA AMENDOLA
LUCIANA D'ANTEL
LEILA DUCCI
ANITA DURANTE
CHECCO DURANTE
MARCELLO MARCELLI
MARCELLO PRANDO
CARLO SAMMARTIN
GIANNI SIMONETTI

Ricerca il film su DVD

Trama IL PORTO DELLA SPERANZA
Il porto della speranza è la canonica di Don Luigi, sacerdote bonario e caritatevole. Il buon parroco distribuisce a piene mani i tesori della sua anima buona e pietosa: tra quelli che ne hanno fatto esperimento viene prima Lisetta, una giovane donna, che avendo perduto la madre, è stata accolta da Don Luigi in casa sua, malgrado l'atteggiamento astioso della di lui sorella, l'Angelica curiosa donna, che sempre brontola e trova a ridire su tutto. Guidato dal suo spirito di vera carità, Don Luigi trova modo di sistemare le situazioni più scabrose. Ricorre a lui un uomo, che ha aggredito e derubato un falegname: il buon parroco accomoda tutto. Poi è la volta di Giacomo, che vuol bene a Lisetta: poi c'è il caso di Marietta, figlia della Sora Gertrude, una vicina di casa di Don Luigi, che ha combinato un guaio col di lui nipote. E anche questo è sanato con generale soddisfazione; è contenta anche l'Angelica benché veda annullato un suo segreto desiderio: far sposare Lisetta a suo figlio ed avere lei nelle mani l'eredità della ragazza.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it