Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

IL FIGLIO DELLA SEPOLTA VIVA

GenereDRAMMATICO
Anno1974
Durata90m
PaeseITALIA
 
RegiaLUCIANO ERCOLI
Attori
GIANNI CAVINA
ALDO CECCONI
EVA CZEMERYS
ANNA FADDA
LILIANA GERACI
GABRIELLA LEPORI
PIERO LULLI
SALVATORE PUNTILLO
FRED ROBSHAM
PIER MARIA ROSSI

Ricerca il film su DVD

Trama IL FIGLIO DELLA SEPOLTA VIVA
La duchessa di Cambise commette ogni sorta di angherie sulle sue popolazioni. Un misterioso pellegrino muto, Damy, sa che il vero duca di Cambise è il giovane François, la cui madre Cristine, è stata rinchiusa in una torre e il padre assassinato. Un frate, P. Lebois, conferma, con una testimonianza scritta, la verità di questa asserzione. La duchessa di Cambise quando scopre di essere solo figlia di una serva, scatena la sua ferocia ed elimina tutte le persone che potrebbero testimoniare presso il Re di Francia, Luigi XV, per farla deporre. Ma un buffone di corte, Polly, aiuta François, e i suoi compagni, quando la marchesa fa rapire anche Elisabeth, la fidanzata di François. Dopo alterne vicende, tutti i personaggi cattivi finiscono male; anche la falsa marchesa di Cambise muore in un bagno di acido, nel quale voleva distruggere Elisabeth. François è riconosciuto dal re quale vero duca di Cambise, e associa al suo trionfo Elisabeth, fra la gioia di tutto il popolo, finalmente libero dalle angherie della falsa marchesa.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it