Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

PERCEVAL

GenereDRAMMATICO
Anno1978
Titolo Originale"PERCEVAL LE GALLOIS"
Durata138m
PaeseFRANCIA
Ispirato aROMANZO "PERCEVAL OU LE CONTE DE GRAAL" DI CHRETIEN DE TROYES
Musiche diMUSICHE DEL XII E XIII SECOLO
 
RegiaERIC ROHMER
Attori
FABRICE LUCHINI
ANDRE' DUSSOLLIER
SOLANGE BOULANGER
CATHERINE SCHROEDER
FRANCISCO OROZCO
DEBORAH NATHAN
JEAN PAUL ROCODON
ALAIN SERVE
DANIEL TARARE
PASCALE OGIER
NICOLAI ARUTENE
MARIE RIVIERE
PASCALE DE BOYSSON
CLEMENTINE AMOUROUX
JACQUES LE CARPENTIER
JOCELYNE BOISSEAU
MARC EYRAUD
GERARD FALCONETTI
RAOUL BILLEREY
ARIELLE DOMBASLE
GUY DELORME
MICHEL ETCHEVERRY
COCO DUCADOS
GILLES RAAB
MARIE-CHRISTINE BARRAULT
JEAN BOISSERY
CLAUDE JEAGER
FREDERIQUE CERBONNET
ANNE-LAURE MEURY
FREDERIC NORBERT
CHRISTINE LIETOT
HUBERT GIGNOUX
ANTOINE BAUD
SYLVAIN LEVIGNAC

Ricerca il film su DVD

Trama PERCEVAL
Perceval incontra in una foresta un gruppo di cavalieri splendidamente armati e ne resta affascinato. Orfano di un cavaliere di razza celtica, poco più che adolescente, natura ingenua ed integra, egli è stato allevato dalla madre lontano da ogni idea di imprese cavalleresche. Ma egli desidera recarsi alla corte del leggendario Re Artù, volendo a lui chiedere l'investitura. Sua madre lo lascia partire con dolore, dopo avergli vivamente raccomandato di proteggere vedove e fanciulli, di non reclamare dalle donne nulla più che un bacio ed un anello, di ascoltare sempre i consigli di uomini saggi e dabbene e, allo scopo di evitare risposte pericolose, di chiedere agli altri solo il minimo necessario. Perceval parte e la madre sviene davanti alle porte della città. Comincia così la serie delle avventure del "fanciullo selvaggio", che pare assistito da singolare fortuna. In una tenda sperduta, bacia una fanciulla, ne prende l'anello ed il cibo del di lei innamorato - l'Orgoglioso della Landa - ; proprio davanti al castello di Re Artù, sfida e disarciona il temuto Cavaliere Vermiglio, ne prende la lancia e si fa investire cavaliere, giurando a se stesso di vendicare una dolce ancella che, solo per avergli sorriso, viene schiaffeggiata dall'invidioso Siniscalco Kèu. Si ferma, quindi, nella città di Beaurepaire, dove la dama Biancofiore lo accoglie e rifocilla: Perceval sfida e batte in torneo il malvagio Re Aguingueron, che aveva cinto di assedio le mura, nonchè un altro Cavaliere (Clamadeu). Altro importante incontro quello con il Re Pescatore, che lo accoglie a palazzo: Perceval, tra un banchetto e un torneo, assiste ad una insolita processione, durante la quale dei paggi recano sia una mirabile lancia da cui cola sangue, sia la sacra coppa del Graal. Ma il giovane cavaliere, timoroso di far domande, non afferra il misterioso significato di tale incontro e riparte verso nuove gesta. Incontra ancora così l'Orgoglioso della Landa, che batte (ma non uccide, il che avviene del pari con ogni altro avversario) per inviarlo invece alla Corte di Re Artù a testimonianza di sè e quasi a risarcire la gaia pulzella ingiustamente schiaffeggiata. A questo punto si incrociano ed alternano con le imprese di Perceval le gesta di Gauvain, altro e più adulto Cavaliere, anch'esso impegnato in tornei cortesi ed in servizio di pietà e lealtà nella città di Escavalon. Dopo cinque anni di continuo errare e di perdita della memoria Perceval incontra ancora il Re e, finalmente, nel giorno del Venerdì santo, un gruppo di penitenti che lo invita a deporre le armi, nonchè un eremita, al quale chiede di confessarsi. Gli viene detto che la madre è morta, perchè mai più Perceval è tornato a lei, che il Re Pescatore e l'eremita che gli parla sono ambedue suoi zii ma, soprattutto, che egli male ha fatto a non porre nel momento giusto l'unica essenziale domanda, quando vide con i suoi propri occhi la Sacra Lancia ed il Graal: la coppa in cui Giuseppe d'Arimatea raccolse il sangue di Cristo e nella quale sono conservate le ostie, unico alimento del morente Re Pescatore. Il dolore ed il pentimento di Perceval sono così sinceri, che egli, rivivendo la Passione e Morte del Signore, si identifica con l'Uomo crocefisso. Fatta così la scoperta della sofferenza, non resta a Perceval che partire per la sua più ardua ed affascinante impresa, questa volta non più cavalleresca, ma spirituale: il ritrovamento e l'adorazione del Graal, di cui la leggenda vuole che egli sia diventato il custode supremo.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it