Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

BOROTALCO

BOROTALCO
GenereCOMMEDIA
Anno1982
Durata127m
PaeseITALIA
 
RegiaCARLO VERDONE
Attori
CARLO VERDONE
ELEONORA GIORGI
CHRISTIAN DE SICA
ANGELO INFANTI
ENRICO PAPA
MARIO BREGA
ISA GALLINELLI
ROBERTA MANFREDI

Ricerca il film su DVD

Trama BOROTALCO
Sergio Benvenuti, ragazzo romano piuttosto ingenuo ed impacciato nei modi, riesce a trovare lavoro in una casa editrice di una collana musicale come agente pubblicitario. Forse, è l'occasione giusta per poter "ingranare" e, quindi, sposare Rossella con la quale è fidanzato da quattro anni; per lo meno questa è la sua giustificazione davanti al cruento padre di lei, in allarme per la adorata figlia. Ma il lavoro non va; infatti è ultimo nella classifica delle vendite; amareggiato telefona alla capolista Nadia Vandelli, ragazza spigliata con il pallino della musica leggera ed in particolare di Lucio Dalla, proponendogli di unire il loro lavoro per un giorno in modo da fargli fare un po' di tirocinio. L'indomani, però, è soltanto lui davanti all'abitazione del cliente arch. Manuel Fantoni. Stanco di aspettare Nadia - che nel frattempo è intrappolata in una fila per prenotare dei posti ad un concerto di Dalla - decide di salire, forse la ragazza è entrata prima di lui. Previsione errqta, Nadia non c'è; c'è invece, il cliente: un uomo sulla quarantina, con l'aria di playboy incallito che, a quanto pare, ha molta voglia di parlare di sé. Tanto che Sergio si ritrova nella veste di attento ascoltatore, addirittura estasiato dalle innumerevoli avventure del neoamico. Avventure che si dichiareranno fittizie per bocca dell'architetto; come si rivelerà fittizio il suo nome, e questo tramite il maresciallo che, giunto sul luogo, l'arresta. Sergio si ritrova solo in quell'appartamento pieno di storie mai avvenute, di irrealtà. Per gioco cerca di rifare il verso all'amico; si veste dei suoi panni. L'inizio d'una bugia che prenderà, in seguito, la dimensione di una spirale, dalla quale sembra impossibile uscire fuori; fino a che ci riesce ed il tonfo sulla realtà è più duro di quanto si immaginava. La farsa ha inizio con il suono del campanello alla porta: è Nadia che si scusa del ritardo chiedendo se si è visto un suo collega, Sergio Benvenuti. "No, non si è visto" è la risposta. Poi, anche lei cede al fascino delle storie inventate da Sergio/Manuel, il suo aspetto insignificante si riveste, sotto gli occhi di Nadia, di un alone fascinosamente misterioso: nuovo abbigliamento cucito interamente dalle bugie e all'atmosfera del luogo. Quando Sergio ritorna a casa, vorrebbe definire la cosa, spiegare, ma, per varie circostanze, non riesce ed il gioco va avanti fin quando il padre di Rossella ristabilisce l'ordine e tutto rientra nella normalità: Sergio e Nadia si sposeranno rispettivamente con i loro "veri" partners. Si ritrovano dopo qualche anno: lui, venditore affermato con un figlio a carico; lei, ricca benestante con un desiderio avverato: Dalla ha inciso la sua canzone. Tutto fila liscio, ma, forse è proprio questa normalità che rende grigia la loro vita, perciò basta una frase del passato "gioco" che ogni cosa ricomincia a girare come una spirale: l'illusione predomina nuovamente sulla quotidianità della vita.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it