Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

DIVINA CREATURA

GenereROMANTICO
Anno1975
Durata115m
PaeseITALIA
Ispirato aROMANZO "LA DIVINA FANCIULLA" DI LUCIANO ZUCCOLI
 
RegiaGIUSEPPE PATRONI GRIFFI
Attori
LAURA ANTONELLI
TERENCE STAMP
MICHELE PLACIDO
DUILIO DEL PRETE
ETTORE MANNI
TINA AUMONT
MARINA BERTI
PIERO DI IORIO
DORIS DURANTI
MARCELLO MASTROIANNI
CECILIA POZZI
CARLO TAMBERLANI

Ricerca il film su DVD

Trama DIVINA CREATURA
Il duca Dany di Bagnasco, giovane e brillante "leader" dell'alta società della Roma anni Venti, s'innamora di una fanciulla di ceto sociale inferiore, la quale ricambia la sua travolgente passione. Presto però viene riferito al duca che Manuela frequenta regolarmente una casa di appuntamenti; vi accorre incredulo e vi trova l'amante, serena e incosciente. Durante una scenata tempestosa, Manuela confessa di essere stata spinta sulla strada del vizio da un uomo di cui non vuole fare il nome, ma che ben presto Dany scopre essere suo cugino Barra. In un'esplosione di morbosità egli si lascia indurre a stringere uno strano rapporto a tre di cui si illude di essere arbitro ma che, viceversa, lo trascina nel baratro. Manuela, infatti, dopo essere ricaduta sotto l'influenza malefica di Barra, nauseata abbandona i due aristocratici despoti; e Dany, disperato per i propri errori e per l'abbandono dell'amata, si uccide.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it