Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

QUESTA SPECIE D'AMORE

GenereDRAMMATICO
SOCIALE
Anno1971
Durata112m
PaeseITALIA
Ispirato aDAL ROMANZO OMONIMO DI ALBERTO BEVILACQUA (1966)
 
RegiaALBERTO BEVILACQUA
Attori
EWA AULIN
MARISA BELLI
BIANCA CASTAGNETTA
ANGELO INFANTI
EVI MALTAGLIATI
ANNA ORSO
FERNANDO REY
GIANFRANCO ROLFI
ANDREA SALVINI
JEAN SEBERG
SARA SIMONI
UGO TOGNAZZI

Ricerca il film su DVD

Trama QUESTA SPECIE D'AMORE
Federico Ferrari è sposato con la ricca Giovanna. Vivono nella casa del padre della donna; Federico dovrebbe curare gli interessi del suocero. Il padre di Federico (Giuseppe) abita nella periferia di Parma: è un artigiano, ed è stato un'antifascista della prima ora: ogni tanto va a Roma, con un pretesto, per vedere il figlio "arrivato", ma questi ignora la sua presenza, poiché si sente diverso dalla nobile figura del genitore. Per Federico anche la vita coniugale è in crisi. Decide di tornare nella casa paterna. Qui Giuseppe viene colpito da una rappresaglia fascista nelle cose a lui più care. Federico tenta di vendicarlo, ma viene picchiato. Giovanna, sulle tracce del suo cagnolino perduto, raggiunge Parma: ne rimane suggestionata; e un colloquio con la madre di Federico, la morte del padre di questi, una festa paesana in cui la donna può vedere la genuinità contrapposta al suo mondo vuoto e borioso, cominciano a maturarla: si riconcilia col marito.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it