Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

QUESTA LIBERTA' DI AVERE... LE ALI BAGNATE

GenereDRAMMATICO
Anno1970
Durata87m
PaeseITALIA
Ispirato aDA UN'IDEA DI VINCENZO MATASSI
 
RegiaALESSANDRO SANTINI
Attori
FEMI BENUSSI
RITA CALDERONI
MARK DAMON
PIERO MAZZINGHI
FRANCO SILVA
ROSITA TOROS

Ricerca il film su DVD

Trama QUESTA LIBERTA' DI AVERE... LE ALI BAGNATE
Un giovane beat immagina una vicenda nella quale è protagonista: Pierre è uno scrittore senza successo e vive con i soldi della sua ricca amante. Un giorno, Pierre incontra Miriam, una sua ex amante e attualmente amante dell'editore di successo Robin. I due vanno a Villa Smeralda; qui, d'accordo con la donna, Pierre telefona a Robin comunicandogli che Miriam è preda di una grave malattia. Robin si precipita a Villa Smeralda, accompagnato da un aspirante scrittore bizzarro, Ariannino: mentre è chino su Miriam, nuda, Pierre scatta fotografie. Dopodiché, quest'ultimo ricatta l'editore: o pubblica un suo romanzo, o pubblicizza le foto. Nella villa, poi, s'introduce un gruppo di hippies che, dopo essersi esibito in orge, se ne va lasciando una di esso, Silvia. Silvia e Miriam raggiungono la spiaggia, dove si divertono equivocamente. Nel frattempo, Robin uccide col gas Pierre e Ariannino. Le due donne tornano nella villa: Miriam si getta dal balcone, mentre Silvia si rinchiude, in una specie di prigione, con Robin.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it