Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

IL SORRISO DEL GRANDE TENTATORE

GenereDRAMMATICO
Anno1973
Durata115m
PaeseGRAN BRETAGNA
ITALIA
 
RegiaDAMIANO DAMIANI
Attori
GLENDA JACKSON
CLAUDIO CASSINELLI
LISA HARROW
ADOLFO CELI
ARNOLDO FOA'
FRANCISCO RABAL
DUILIO DEL PRETE
GABRIELE LAVIA
ROLF TASNA
ENRICO RIBULSI
NAZZARENO NATALE
MARGHERITA HOROWITZ
EDDA FERRONAO
ELY GALLEANI
ADELE SPERATI

Ricerca il film su DVD

Trama IL SORRISO DEL GRANDE TENTATORE
A Roma, in un istituto religioso, viene ospitato lo scrittore Roberto Solina, invitato dal polacco Monsignor Badenski a scrivere un libro che serva a discolpare l'ecclesiastico davanti ai suoi superiori. Gli altri ospiti fissi dell'istituto manifestano lentamente, agli occhi dello scrittore, la loro vera natura di persone ivi confinate dall'autorità della Chiesa: Padre Morandi è un prete operaio che ha preso parte agli scioperi con gli operai; Mons. Marcos è un vescovo cubano che ha appoggiato Fidel Castro; il professor Villa è un teologo ortodosso; Monsignor Badenski è accusato di aver parteggiato per i tedeschi nazisti; il principe Ottavio Ranieri di Aragona aveva avuto precedentemente una relazione incestuosa con la sorella Alessandra; la signora Emilia Contreras, l'amministratrice, ha fatto uccidere il proprio marito dai guerriglieri, dopo essersi innamorata di uno di loro. Verso tutti i suoi ospiti, Suor Geraldine, la superiora, usa la stessa terapia di redenzione; digiuni, mortificazioni e soprattutto confessioni individuali e comunitarie, coadiuvata in questo dal gesuita Padre Morelli. La presenza dello scrittore (che è un po' come la coscienza critica dentro l'ambiente); INSERT INTO `zam_film_tit` VALUES ma soprattutto il disperato suicidio del principe Ottavio, sono l'occasione per mettere a nudo tutto quel clima di ambiguità che sia dall'interno che dall'esterno era andato caratterizzando la vita del convitto. Le terapie di gruppo, dirette da suor Geraldine, non impediscono l'"abbandono" del convitto (simboleggiante la Chiesa) da parte di quasi tutti gli ospiti fissi: Monsignor Marcos e Monsignor Badenski, anche se per motivi opposti, si vedono costretti ad abbandonare la Chiesa; Emilia Contreras si aggrappa affettivamente allo scrittore nella speranza di ritrovare in lui la gioia e la vita. Ben presto, però, riemergono in lei vivissimi sensi di colpa. Per questo fugge. Lo scrittore la ritrova nel convitto, dove intanto, come lei, avevano fatto rientro anche il prete operaio, il vescovo cubano e tutti gli altri: meglio la "terapia di gruppo", offerta dal convitto, che l'effettiva libertà del mondo esterno in cui, per l'influenza della Chiesa sulle loro coscienze, si erano orami disadattati a vivere. Roberto Solina, invece, invitato egli pure a restare, rifiuta, se ne va e tenta di scrollarsi di dosso il ricordo di questa strana esperienza, rinfrescandosi il volto ad una zampillante fontana della città.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it