Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

ADDIO FRATELLO CRUDELE

GenereDRAMMATICO
Anno1971
Durata111m
PaeseITALIA
Ispirato aLAVORO TEATRALE "PECCATO CHE SIA UNA PUTTANA" ('TIS PITY,SHE'S A WHORE) DI JOHN FORD
 
RegiaGIUSEPPE PATRONI GRIFFI
Attori
RICK BATTAGLIA
ANTONIO FALSI
RINO IMPERIO
ANGELA LUCE
CHARLOTTE RAMPLING
FABIO TESTI
OLIVER TOBIAS

Ricerca il film su DVD

Trama ADDIO FRATELLO CRUDELE
Ai primi del 1500, Giovanni, reduce da un lungo periodo di studi a Bologna, fa ritorno a Mantova, dove ritrova la sorellastra Annabella, da lui lasciata ancora bambina e divenuta ora una bellissima fanciulla. Colto da una violenta passione per la sorellastra, il giovane, inutilmente dissuaso dall'amico e consigliere Fra Bonaventura, confessa il suo amore alla fanciulla che, a sua volta, gli rivela di essere sempre stata innamorata di lui. Rimasta incinta, Annabella accetta di sposare un compagno di studi di Giovanni, Soranzo, con il quale si rifiuta, però, di avere contatti fisici. Allorché Soranzo scopre lo stato della moglie, si propone di ucciderla unitamente al padre e al fratello della donna, che ritiene parimenti responsabili dell'intrigo di cui egli è rimasto vittima. Ed è però proprio Giovanni ad uccidere Annabella, allo scopo di sottrarla per sempre al legittimo consorte, dopodiché, in preda a una crisi di pazzia, viene a sua volta colpito a morte da Soranzo.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it