Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

A SUON DI LUPARA

GenereDRAMMATICO
Anno1967
Durata94m
PaeseITALIA
 
RegiaLUIGI PETRINI
Attori
LINO BANFI
FEMI BENUSSI
UGO CARBONI
GRAZIA DE MARZA'
MARIO DE ROSA
GIANCARLO DEL DUCA
ARMANDO DEL VECCHIO
GRAZIA DI MARZA'
ANNABELLA INCONTRERA
LANG JEFFRIES
GINA MASCETTI
LUCIANA PAOLI
PAOLA PITTI
GIOVANNI RIDOLFI
PAOLO TODISCO
ANTONIO TOMA
NINO VINGELLI

Ricerca il film su DVD

Trama A SUON DI LUPARA
Claudio Chiaramonti svolge il suo non facile incarico di procuratore della Repubblica, risoluto a combattere le ingiustizie imposte e subite nella comunità siciliana in cui vive in nome d'una plurisecolare abitudine al silenzio ed al pregiudizio. Ma Claudio non tarda ad accorgersi che i pregiudizi sono più duri a morire di quanto non si creda e che nessuno in realtà, ne è esente. Il procuratore ha da poco sposato una francese, Lucienne, che si lega d'amicizia con Roberta, sorella minore di Claudio, la quale ostenta abitudini e costumi assai liberi. Costei è tornata a casa per chiedere del denaro portando con sé Richard, suo amante e sfruttatore. Questi non solo seduce la servetta di casa Chiaramonti, ma cerca di corteggiare Lucienne. E' la giovane donna, in un momento di sconforto, dovuto al fatto di avere appreso che lei e Claudio insieme non potranno avere mai figli, viene drogata e posseduta da Richard. Dell'accaduto la donna non ha colpa ma Claudio, quando sa che Lucienne aspetta un figlio, rifiuta di riconoscerlo come proprio. Il suo crudele parere è che il buon nome della famiglia esige che la creatura non nasca. Solo Roberta dimostra insospettata onestà d'animo difendendo fermamente la cognata, che non intende piegarsi alla volontà del marito. Alla fine Claudio meditato e compreso il suo torto di voler usare pesi e misure diverse secondo che si tratti di problemi propri o altrui, perdona Lucienne.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it