Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

LA SIGNORA IN BIANCO

GenereDRAMMATICO
Anno1986
Titolo Originale"INSIGNIFICANCE"
Durata109m
PaeseGRAN BRETAGNA
 
RegiaNICOLAS ROEG
Attori
GARY BUSEY
TONY CURTIS
RICHARD DAVISON
MICHAEL EMIL
PATRICK KILPATRICK
IAN O'CONNELL
GEORGE OLMES
THERESA RUSSELL
WILL SAMPSON

Ricerca il film su DVD

Trama LA SIGNORA IN BIANCO
A New York nel 1953, un'avvenente bionda attrice sta girando in ore serali una scena in una strada della città. Una folata di vento, preparata dal regista, le fa alzare la gonna dell'elegante abito bianco e la gente che s'è radunata intorno per l'occasione può ammirare le splendide gambe della giovane donna. Finita la scena ella fugge via a bordo di una macchina, invano inseguita dal marito, ex giocatore di baseball, che vorrebbe lei smettesse con quel lavoro poco dignitoso. Frattanto in una stanza d'albergo un vecchio professore ebreo, scampato alla morte a Dachau, consapevole della pericolosità delle armi atomiche, ripassai numerosi fogli su cui ha appuntato i suoi recenti studi sulle nuove teorie scientifiche. A perseguitarlo e a minacciarlo c'è un ambiguo senatore che vorrebbe costringerlo a testimoniare in tribunale per una condanna ufficiale del riarmo sovietico. L'attrice si fa lasciare davanti all'albergo dello studioso e si presenta a lui che non la conosce. I due, entrambi noti, insoddisfatti e soli, pian piano fanno amicizia e scoprono di avere tante cose in comune: traumatizzanti esperienze di vita passata e quindi ricordi spiacevoli da dimenticare, pessimismo riguardo al futuro, desiderio di situazioni nuove più gratificanti. Lui ripensa allo sterminio dei campi di concentramento e alla bomba lanciata sul Giappone; lei ripensa alla sua infanzia piena di crudeltà e di passi nel mondo della celluloide. Ma ecco che nell'appartamento piomba il geloso marito dell'attrice, il quale crede che la moglie lo stia per l'ennesima volta tradendo, ma si sbaglia poiché lo scienziato sta solo cercando di rassicurare quell'infelice creatura e con molta delicatezza lascia i due soli nell'abitazione. La donna fra crisi di pianto e di rimorso dichiara al marito che vorrebbe un figlio (anzi sa che è rimasta incinta) ma l'uomo che pur l'adora ma non la comprende, le dice che lei non potrà mai realizzare quel sogno perché il suo corpo è soggetto a continue emorragie che la debilitano e non le permettono di portare avanti nessuna gravidanza. Alla fine i due discutono più animatamente del solito, e dopo accuse reciproche l'uomo si allontana. Frattanto nell'appartamento ritorna il cinico senatore che nevrotico com'è strapazza la donna e la picchia non riconoscendo in lei la famosa star del cinema. Il marito di quest'ultima, pentito, ritorna: trova l'uomo politico e lo aggredisce, ma interviene il professore che giustifica la sua presenza nell'appartamento. Dopo aver gettato tutti i fogli col suo lavoro di anni dalla finestra, affinché nessuno si possa appropriare delle sue scoperte che, se usate nel modo sbagliato potrebbero essere causa di immani tragedie, lo scienziato si tranquillizza, mentre il senatore, umiliato, se ne va pieno di rancore verso quel vecchio pazzo. Il giocatore di baseball stavolta abbandona la moglie in maniera davvero definitiva: la donna infatti ha avuto un'altra crisi e ha perso quel bambino che tanto desiderava. Rimangono soli l'attrice e lo scienziato più sereni e pronti ad affrontare una nuova vita ognuno a modo suo.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it