Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

IN VIAGGIO CON ALBERTO

GenereCOMMEDIA
FANTASY
Anno1990
Titolo Originale"ALBERTO EXPRESS"
Durata90m
PaeseFRANCIA
 
RegiaARTHUR JOFFE'
Attori
ROLAND AMSTUTZ
MICHEL AUMONT
SERGIO CASTELLITTO
DENNIS GOLDSON
THOMAS LANGMANN
NINO MANFREDI
EUGENIA MARRUZZO
MARCO MESSERI
JEANNE MOREAU
DOMINIQUE PINON
NANNI TAMMA
MARIE TRINTIGNANT

Ricerca il film su DVD

Trama IN VIAGGIO CON ALBERTO
A Roma, il giovane Alberto Capuana, mentre sta per lasciare madre e padre per cominciare a guadagnarsi la vita, si sente invitato con stupore dal genitore ad aiutarlo a conteggiare le spese sostenute dalla famiglia per crescerlo. Le spese ammontano a 30 milioni 250 mila lire, e il padre gli fa sapere che dovrà impegnarsi a restituirgli quella somma entro e non oltre il giorno in cui diventerà a sua volta padre, secondo una secolare tradizione dei Capuana. Quindici anni dopo, Alberto ormai marito di Juliette proprio la notte precedente il fatidico "lieto evento" che lo renderà padre disoccupato, squattrinato ed indebitato, è assillato dall'inesorabile scadenza: non gli resta che mettersi immantinente in viaggio verso Roma, affidandosi alla sorte per reperire la somma dovuta, prima che il nascituro rischi di pagare le conseguenze della sua insolvenza. Preso affannosamente di notte, dopo una corsa che lo fa stramazzare sulla piattaforma, quel treno gli riserverà sorprese surreali in un continuo crescendo. Trascinato in uno scomparto dal controllore, Alberto riprende coscienza, sbalordito di ritrovarsi senza scarpe. Il controllore bonaccione non solo decide d'ignorare che oltre che senza scarpe il singolare viaggiatore è sprovvisto di biglietto, ma dopo il suo racconto concitato e disperato, non esita ad offrirgli un primo contributo per l'estinzione del debito e a indicargli la carrozza-ristoro perchè possa rinfrancarsi. Da quella carrozza hanno inizio le avventure e gli espedienti di Alberto per raggranellare la somma a lui necessaria. Improvvisandosi addetto ai vagoni-letto, Alberto riesce a derubare i viaggiatori più facoltosi, ficcando in una federa il consistente bottino e inerpicandosi sul tetto del treno per raggiungere la motrice e telefonare a Juliette. Se non che, verso l'alba, un improvviso scossone fa volar via la refurtiva sotto gli occhi dei viaggiatori trasecolati. Qualcuno tira l'allarme: il treno si ferma e tutti si precipitano sulle rotaie a raccattare i loro beni. Rientrato, sbrindellato e deluso, in una carrozza, mentre il treno riparte, Alberto troverà tramite una misteriosa "baronessa"la soluzione d'ogni suo problema, e la possibilità di tornare precipitosamente a Parigi per abbracciare Juliette e l'atteso primogenito.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it