Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

DISAMISTADE - INIMICIZIA

GenereDRAMMATICO
Anno1989
Durata101m
PaeseITALIA
 
RegiaGIANFRANCO CABIDDU
Attori
PABLO ALARCON
MARIA CARTA
MIMMO CUTICCHIO
MASSIMO DAPPORTO
JOAQUIM DE ALMEIDA
LAURA DEL SOL
FRANCESCO GIORDANO
GIOVANNI GUIDELLI
FRANCO NOE'
LINO TROISI

Ricerca il film su DVD

Trama DISAMISTADE - INIMICIZIA
Figlio di un pastore sardo e ragazzo mite e studioso, per iniziativa della madre che sogna di farne un medico o un avvocato, Sebastiano Catte, che ha lasciato il paese per frequentare un collegio, ritorna nel 1950 all'improvviso a seguito dell'assassinio del padre. Il giovane è un non violento e rifiuta assolutamente di vendicarsi, anche se tutti si aspettano da lui che il sangue dell'uccisore sia versato in riparazione. Dopo il furto del suo gregge Sebastiano viene ingaggiato dal Barone Piana, un ricco proprietario del luogo, che capeggia una banda di scioperati dediti al furto delle pecore. Conosce poi una brava e studiosa ragazza, Domenicangela, e i due si innamorano. Volendo dimostrare a se stesso ed agli altri, di non essere un vigliacco, Catte oltrepassa la soglia del lecito eseguendo "La Bardana" (un furto di bestiame): è l'inizio di altri furti e rapine, di fughe, di una lotta aperta contro lo Stato ed i tutori dell'ordine; gli sono di aiuto la madre e Domenicangela che gli procurano il necessario alla sopravvivenza durante la sua latitanza nei boschi. Accusato di delitti mai commessi, viene posta una taglia di dieci milioni su Sebastiano. In realtà il giovane, più che ruberie e guardianie di greggi non sue non ha fatto: la violenza ed il delitto gli ripugnano. Catturato di notte nella camera di Domenicangela e processato, egli dichiara in Tribunale di non essere colpevole e rinuncia perfino a difendersi. Domenicangela lascia il paesello natìo e la speranza d'amore che ivi era fiorita. Con ogni probabilità Sebastiano Catte si è autodenunciato ed entrerà in carcere, affinché la madre possa beneficiare della taglia.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it