Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

RITORNO A BERLINO

RITORNO A BERLINO
GenereDRAMMATICO
Anno1988
Titolo Originale"DER PASSAGIER - WELCOME TO GERMANY"
Durata103m
PaeseGERMANIA
 
RegiaTHOMAS BRASCH
Attori
TONY CURTIS
KATHARINA THALBACH
MATTHIAS HABICH
ALEXANDRA STEWART
KARIN BAAL
URSULA ANDERMATT
GEDEON BURKHARD
FRITZ MARQUARDT
MICHAEL MORRIS
CHARLES REGNIER
BIROL UNEL
GUNTBERT WARNS

Ricerca il film su DVD

Trama RITORNO A BERLINO
Nel 1987 giunge a Berlino un anziano regista americano, Cornfield, per girare un film su di un episodio accaduto nel 1942, quando un regista tedesco doveva girare un film antisemita, basato sulla storia di un malvagio e vecchio usuraio ebreo e di un povero contadino tedesco, costretto a dargli in moglie la sua giovane figlia, la quale, dopo aver accettato le nozze per salvare il padre, si impiccava. Per questo film erano state allora scelte 13 comparse fra gli ebrei di un campo di concentramento, promettendo falsamente loro come compenso l'emigrazione in Svizzera. Uno degli ebrei, afferrata qualche allusione del regista e comprendendo l'inganno, aveva deciso di tentare la fuga dal teatro di posa, insieme al suo migliore amico. Il tentativo poteva riuscire, ma l'altro, preso dal panico, non si muoveva, e così il primo, per aspettarlo, fu scoperto ed ucciso. Cornfield deve ricreare oggi quelle lontane vicende, ma la sua troupe, composta di giovani tedeschi, non comprende né il motivo per cui l'americano voglia fare un film su questa lontana storia, né perchè il regista sia sempre così turbato o in collera, né infine perchè non parli il tedesco, che capisce benissimo. Pian piano, però, la verità viene fuori: Cornfield fa un film su se stesso, perchè egli è Janko, l'ebreo che si salvò e causò per vigliaccheria la morte dell'amico. Il film è dunque una terapia per la sua anima tormentata dai rimorsi; egli vuol placare il suo senso di colpa. Ma quando si sta girando la scena della fuga che Cornfield dirige secondo la sua versione dei fatti, ecco comparire sul set una testimone oculare: la truccatrice della troupe di allora (che aveva aiutato i due giovani, truccandoli per la fuga, e che ebbe per punizione la schiena spezzata dai nazisti); INSERT INTO `zam_film_tit` VALUES la quale riconosce in Cornfield l'ebreo responsabile di quella morte. Tutti i rimorsi e i ricordi di Cornfield-Janko raffiorano più forti: non si sa come, ma egli riusci a salvarsi. Ora il regista ordina che il film non sia montato, ma distrutto, e va all'aeroporto, ma non parte: resta inchiodato a Berlino, nella sala d'aspetto, schiacciato da una tragedia che forse solo ora ha compreso.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it