Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

AMERICANO ROSSO

AMERICANO ROSSO
GenereCOMMEDIA
Anno1991
Durata102m
PaeseITALIA
Ispirato aTRATTO DALL'OMONIMO ROMANZO DI GINO PUGNETTI
 
RegiaALESSANDRO D'ALATRI
Attori
TULLIA ALBORGHETTI
PINO AMMENDOLA
FABRIZIO BENTIVOGLIO
ANNA DA MALTA
ORSETTA DE' ROSSI
SABRINA FERILLI
DANIELA FOA'
RUBERTO GUIDO GEREMIA
MASSIMO GHINI
MONICA GOLDFUSS
PAOLA LUCENTINI
MIRANDA MARTINO
VALERIA MILILLO
EROS PAGNI
BEATRICE PALME
CLAUDIO PARISE
RICCARDO ROSSI
GIAMPAOLO SACCAROLA
BURT YOUNG

Ricerca il film su DVD

Trama AMERICANO ROSSO
Nel mese di agosto del 1934 in una cittadina della provincia veneta il play-boy Vittorio Benvegnù, impiegato nell'agenzia matrimoniale dello zio Oscar, un individuo violento un tempo emigrato in America, viene da questi scacciato per avergli sedotto la moglie. Incontrato casualmente George Maniago, un robusto italo-americano venuto dagli Stati Uniti per trovare una moglie giovane ed illibata, Vittorio, intravvedendo l'occasione di soldi e svago, gli prospetta la possibilità di realizzare questo suo desiderio. A bordo di una Lancia Augusta cabriolet i due uomini attraversano la provincia veneta e la riviera adriatica in cerca della donna giusta. Nel corso di due settimane, tra vari equivoci, Vittorio ha così modo di presentare a George una ballerina del varietà, una matura vedova, un'avventuriera, una timida contadina sordomuta, una servotta, Antonietta, che, opportunamente abbigliata viene accettata come sposa da George. Poichè questi sembra soddisfatto, Vittorio contatta un gerarca fascista, suo amico, per ottenere subito il passaporto per la ragazza. Recatosi con costei ad Udine per ritirarlo, Vittorio, trascorrendo alcuni giorni con Antonietta, se ne innamora, anzi, le propone di sposarlo (anche se ha già una moglie, Elvira), prospettandole un avvenire di successi (l'impresa Etiopica è ormai nei programmi del fascismo e ci saranno gloria e soldi), per una vita rinnovata. Antonietta, malgrado trovi vecchio l'americano, opta invece per andare a vivere con costui. George salda i conti con Vittorio, si ripiglia alcune banconote che il giovanotto gli aveva sottratto dalla valigia, lasciandogli però il bel cabriolet bianco da restituire. Ora Vittorio è solo e annoiato: il risultato della vacanza lo ha lasciato insoddisfatto. Ad un tratto legge sul giornale una notizia: lo zio Oscar è stato trovato assassinato e i carabinieri sospettano del nipote (scomparso da casa), che con il parente aveva avuto una rissa ed era stato cacciato, per cui Vittorio è braccato. Il giovane fugge in auto, ma i carabinieri lo seguono e bloccano la vettura: si scopre che Vittorio ha in tasca molti soldi, mentre nella macchina c'è una grossa rivoltella (è di George, ma il giovane non viene creduto) e il play-boy finisce ammanettato, malgrado si dichiari amico del gerarca fascista. E' ovvio che l'omicida di Oscar è stato proprio Maniago per antichi dissapori su loschi affari in terra americana. Non resta a Vittorio che una disperata supplica a Mussolini, per essere diventato, lui innocente, un indiziato come autore di un delitto, mentre è stato fatto cadere in una ignobile trappola.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it