Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

UNA STORIA SEMPLICE

UNA STORIA SEMPLICE
GenereDRAMMATICO
Anno1991
Durata96m
PaeseITALIA
Ispirato aTRATTO DAL ROMANZO "UNA STORIA SEMPLICE" DI LEONARDO SCIASCIA
 
RegiaEMIDIO GRECO
Attori
GIAN MARIA VOLONTE'
RICKY TOGNAZZI
ENNIO FANTASTICHINI
MASSIMO DAPPORTO
MASSIMO GHINI
PAOLO GRAZIOSI
GIANLUCA FAVILLA
OMERO ANTONUTTI
MACHA MERIL
GIANMARCO TOGNAZZI
TONY SPERANDEO

Ricerca il film su DVD

Trama UNA STORIA SEMPLICE
La sera della vigilia di S. Giuseppe, l'anziano diplomatico Giorgio Roccella, assente dal paese da molti anni, chiama la polizia di Monterosso perché nella propria villa isolata ha trovato qualcosa di strano. Il brigadiere andrebbe subito, ma il commissario gli dice di aspettare l'indomani, perché la telefonata potrebbe essere uno scherzo, e di non cercare lui comunque, che andrà a passare la festa in campagna. Ma il mattino seguente il brigadiere e un agente trovano nella villa il cadavere del proprietario (ucciso da una Mauser, che è accanto a lui) e col braccio appoggiato su di un foglio, su cui ha scritto: "Ho trovato". Inoltre i molti magazzini che circondano il cortile sono sprangati con catenacci nuovissimi. Giungono il questore, il colonnello del carabinieri e il commissario, e la prima ipotesi è di un semplice suicidio. Ma il brigadiere è certo invece trattarsi di omicidio, e lo stesso pensa il professor Franzò, vecchio amico del morto, che depone di aver ricevuto una visita dal Roccella, appena giunto in paese, e più tardi una sua telefonata allarmata, in cui comunicava di aver trovato installato nella villa il telefono (a sua insaputa) e di aver rinvenuto un certo quadro di valore, da tempo sparito. Però, essendo in dialisi, Franzò non ha potuto raggiungere subito l'amico che nel frattempo è morto. L'indomani, poiché il treno è fermo nella campagna da lungo tempo, il capotreno chiede ad un rappresentante di medicinali, che passa lì vicino in auto, di andare ad avvertire il capostazione della stazioncina di Monterosso. Ma, poiché il disco resta rosso, il capotreno va personalmente a piedi alla stazione, dove trova il capostazione e il manovale ammazzati. Intanto è giunto anche il procuratore della Repubblica, ex alunno del professor Franzò, che questi ha sempre giudicato un inetto. Il rappresentante di medicinali va poi a deporre che egli ha portato il messaggio a colui che ha creduto il capostazione, ma ha anche visto due uomini che arrotolavano la tela di un quadro. A questo punto il commissario, durante un sopralluogo alla villa, dove ha appena dichiarato di non essere mai stato, trova invece subito un interruttore nascosto. Perciò la mattina dopo spara per uccidere il brigadiere, che però si salva e uccide il superiore. Le autorità decidono di archiviare come incidente la morte del commissario. Ormai tutto è chiaro. Il commissario, evidentemente implicato in attività criminali, aveva ucciso Roccella, presentandosi alla villa in qualità di poliziotto; la "merce" preziosa, che vi veniva conservata, era stata trasportata di notte alla stazioncina, dove c'erano complici, poi uccisi, e il rappresentante non aveva visto i due cadaveri. Ora egli riparte, ma subito riconosce nel viso di un prete della zona, padre Cricco, quello dell'uomo che egli ha creduto il capostazione. Vuol tornare alla polizia, ma poi decide di proseguire il viaggio per evitare guai.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it