Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

HEIMAT 2 - L'ETERNA FIGLIA

GenereDRAMMATICO
Anno1992
Titolo Originale"DIE ZWEITE HEIMAT - DIE EWIGE TOCHTER"
Durata118m
PaeseGERMANIA
 
RegiaEDGAR REITZ
Attori
HANNELORE HOGER
HENRY ARNOLD
SALOME KAMMER
ANKE SEVENICH
NOEMI STEUER
FRANZISKA TRAUB
DANIEL SMITH
MANFRED ANDRAE
EDITH BEHLEIT
MARTIN MARIA BLAU
ARMIN FUCHS
HOLGER FUCHS
PETER GASSER
SUZANNE GEYER
LEOPOLD GMEINWIESER
HELGA HEIBL
PETER HOHBERGER
HEINZ JOACHIM KLEIN
REINHOLD LAMPE
LENA LESSING
HUBERT MULZER
FRANZ RAMPELMANN
FRANK ROTH
DIRK SALOMON
WERNER SCHNITZER
MICHAEL SCHONBORN
FRANZISKA STOMMER
BERND TAUBER
JURA VON SCHLIPPE
PETER WEISS

Ricerca il film su DVD

Trama HEIMAT 2 - L'ETERNA FIGLIA
L'epoca della "Tana della Volpe" è finita. Del vecchio gruppo il solo Juan continua ad avere l'accesso a casa Cerphal, dove sta costruendo un pavimento. La padrona di casa, Elisabeth, va a trovare frattanto il padre, ex gerarca nazista e titolare del grande gruppo editoriale Cerphal, che è ammalato, ma continua a trattarla come una bambina sprovveduta. Le ordina di recuperare certi documenti dal suo ufficio consegnandole le chiavi personali, ma Elisabeth fa suonare l'allarme e viene consegnata alla polizia dalla vigilanza. Frattanto Hermann Simon e Schnusschen sono alle prese con la bimba: la moglie chiede troppo spesso al giovane se lei e la bimba siano d'intralcio alla sua creatività. La polizia intanto rilascia Madame Cerphal, che si sfoga con il fidato Juan Ramon Fernandes sempre gentile e comprensivo. Clarissa Lichtblau torna dalla tournée negli Stati Uniti e si dispera perché il violoncello si è crepato. Il dottor Kirchmeier la consola, mentre la mamma le comunica che Volker Schimmelpfenning è diventato un grande pianista. Hermann ritorna al conservatorio, dove ha trascorso gli anni "ruggenti", a ritirare il diploma di stato. Madame Cerphal intanto viene accompagnata dai responsabili della casa editrice nello studio del padre, dove guarda vecchie foto di famiglia, pensa ai fratelli morti, agli amici e soci del padre ebrei, i Goldbaum, deportati. Per consolarsi, fa acquisti in una boutique. Fa di nuovo visita al padre che le consegna un documento da distruggere. Scopre così che la Tana della Volpe è in realtà frutto di un esproprio ai danni dei Goldbaum. Il padre, per consentirle di ereditare l'azienda, le impone la clausola di laurearsi. Volker esegue il Concerto per la mano sinistra di Ravel davanti a una Clarissa che sembra recuperare interesse per lui. Anche la mamma sarebbe disposta a superare la penosa vicenda dell'aborto e ad accettarlo come genero. Juan vagabonda per Monaco: va da Hermann, ma non osa entrare. E' sempre più isolato. Madame Cerphal discute all'Università sul tipo di laurea da prendere per ottemperare alle condizioni del testamento. Vorrebbe fare geologia, ma soprattutto viaggiare. Nel farle le carte, Juan le annuncia lapidariamente: "Lei è l'eterna figlia. Suo padre decide sempre per lei". Ed è vero. Ma c'è anche un punto nero: il padre si è impadronito dell'intero patrimonio dell'ex socio: Elisabeth scopre che in fondo lei da vent'anni, vive una vita velleitaria. Persino la guerra l'ha vista come lontani bagliori di bombe alla finestra. Mentre Alex, Helga e un nutrito gruppo di studenti tengono una riunione in casa Cerphal, la padrona tornata a casa e trovandola invasa, trova il coraggio di cacciare di nuovo via gli invasori solo nell'apprendere la notizia, recatale dalla governante che il padre è morto. Mentre l'unico punto di aggregazione per vecchi amici (Hermann escluso, naturalmente); INSERT INTO `zam_film_tit` VALUES resta il locale di Renate Leineweber, nei pressi del quale restano spesso fino a tardi, la Cerphal decide, vista la provenienza della casa, di venderla ad una società che ne ricaverà 150 alloggi, rendendola ricca. Anche il bagatto dei tarocchi, disegnato con tanta pazienza da Juan in giardino con le piastrelle, scomparirà così con la vecchia casa.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it