Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

HEIMAT 2 - L'ARTE O LA VITA

GenereDRAMMATICO
Anno1992
Titolo Originale"DIE ZWEITE HEIMAT - KUNST ODER LEBEN"
Durata133m
PaeseGERMANIA
 
RegiaEDGAR REITZ
Attori
HENRY ARNOLD
SALOME KAMMER
ABBIE CONANT
NOEMI STEIUER
FRANK ROTH
ANKE SEVENICH
DANIEL SMITH
MANFRED ANDRAE
ACHIM BARRENSTEIN
EDITH BEHLEIT
JOHANNA BITTENBINDER
MARTIN MARIA BLAU
MARINUS GEORG BRAND
UTE CREMER
DANIELLE FIENBORK
CAROLIN FINK
ARMIN FUCHS
VIKTORIA IFRIM
LISA KLAGER
IRENE KUGLER
THOMAS KYLAU
TAJA LYSY
ALEXANDER MAY
LUITPOLD MULLER
STELLA MARION PAHLKE
ELENA PAPANDREOU
TRAUDI PAUER
SUSANNE REITZ
TANA SCHANZARA
SISSI SCHMIDTHUBER
MICHAEL SCHONBORN
EVA SCHUBERT
GWENDOLYN VON AMBESSER
SABINE VON MAYDELL

Ricerca il film su DVD

Trama HEIMAT 2 - L'ARTE O LA VITA
A dieci anni dal suo arrivo a Monaco, Hermann Simon potrebbe sentirsi realizzato: guadagna molto con la Isarfilm, ed il console Handschuh gli vuole bene come a un figlio. Ma è durante l'ennesima Oktoberfest, con il suo chiasso, le risa, le canzoni sguaiate, la cordialità obbligatoria che poi, alla prima scintilla, si trasforma in rissa, che lui capisce di essere, sempre e comunque, un estraneo pellegrino alla ricerca del suo "Graal", che né l'amore, né la musica sembra potergli procurare. E' inutile che Zielke gli preponga di metter su uno studio di registrazioni avveneristico, o il console addirittura di diventare suo erede. Hermann sale su un treno e va in cerca di Clarissa Lichtblau e dalla madre di costei apprende che è in tournée col suo gruppo femminile, con lo spettacolo di musica e danza "La passione delle streghe". Di treno in treno, alla caccia della sfuggente dea della sua vita, incontra prima Renate Leineweber che si esibisce in numeri sempre ai limiti del volgare, per congressi o mediocri spettacoli; vede Juan Ramon Fernandes ridotto a modesto equilibrista in un circo; rivede la moglie Schnusschen con la piccola Lulù, che ormai lo tratta addirittura con aperta ostilità. Su un manifesto vede anche il volto di Helga Aufschrey tra i ricercati della banda terrorista Baader-Meinhof; apprende dai giornali che Stefan Aufhauser è stato ferito durante un'irruzione in casa della polizia, sulle tracce di Helga e dei suoi compagni di clandestinità. Hermann scrive al console ringraziandolo ma rinunciando alla sua offerta. Trovata finalmente Clarissa ad Amsterdam, assiste affascinato alla rappresentazione, dove si rende conto che la donna sembra appagata ora dalla sua voce e dal teatro e dall'amicizia delle altre donne. Una lunga notte assieme in un hotel consente ai due di confidarsi e di aprirsi ulteriormente, per riconoscere che in definitiva tra loro è solo possibile un sentimento che, pur fortissimo ed inalienabile, non può essere radicato nel vissuto. Al mattino Clarissa sparisce lasciando un biglietto: "Aspettami". Hermann lo fa per un po', poi riprende il treno, e giunge alla terra natale, dove un vecchio, una sorta di "genius loci", gli dà il benvenuto.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it