Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 

Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

CLOSE UP - PRIMO PIANO

GenereMETAFORA
Anno1990
Titolo Originale"NEMA-YE NAZDIK"
Durata85m
PaeseIRAN
 
RegiaABBAS KIAROSTAMI
Attori
ABOLFAZL AHNKHAH
HASSAN FARAZMAND
HOSSEIN (ALI) SABZIAN
HUSHANG SHAHAI

Ricerca il film su DVD

Trama CLOSE UP - PRIMO PIANO
A Teheran nel 1990 il giornalista Hassan Farazmand si reca in taxi con due militari per documentare l'arresto di Ali Sabzian, un giovane che si è fatto passare per il celebre regista Mohsen Makhmalbaf per introdursi nella vita quotidiana della famiglia Ahankhah. A corto di soldi, Hassan deve chiedere un prestito per far accompagnare alla prigione Sabzian ed è costretto a cercare disperatamente un registratore per intervistarlo, Nel carcere dove è rinchiuso da 21 giorni, Sabzian confida il suo amore per il cinema di Makhmalbaf, e soprattutto per il suo film "I ciclisti". Nell'udienza Sabzian narra del suo amore fin da bambino per il cinema, la sua adorazione per il famoso regista, la sua povertà, la frustrazione di non aver mai potuto girare un film. Narra di come ha inviato tutta la famiglia al cinema a vedere il "suo" film "Il ciclista" e come l'ha seguito di nascosto, di come si è giustificato davanti ad una foto del vero regista su una rivista adducendo la scusa che la foto lo ritraeva da giovane, del suo matrimonio fallito dopo sette anni, con i due figli affidati alla madre, presente in aula, le difficoltà economiche appena compensate dai lavori saltuari. Makhmalbaf è divenuto una sorta di cantore della sua miseria morale e materiale, ed impersonarlo è stato per lui come liberarsi dai giogo delle avversità. Visto che non ha precedenti penali e chiede sinceramente perdono alla famiglia ingannata, il giudice intercede per lui, ed anche la madre supplica la Corte e la parte lesa di essere indulgenti. Il perdono è ottenuto, e sarà il regista Makhmalbaf in persona, avvertito della cosa, a portare sulla sua motocicletta Sabzian dagli Ahankhah con dei fiori rossi per una visita di riconciliazione.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it