Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

TUTTI GLI ANNI, UNA VOLTA L'ANNO

TUTTI GLI ANNI, UNA VOLTA L'ANNO
GenereCOMMEDIA
Anno1993
Durata87m
PaeseITALIA
 
RegiaGIANFRANCESCO LAZOTTI
Attori
GIORGIO ALBERTAZZI
PAOLO BONACELLI
JEAN ROCHEFORT
VITTORIO GASSMAN
LANDO BUZZANCA
GIOVANNA RALLI
CARLA CASSOLA
PAOLA PITAGORA
PAOLO FERRARI
ALEXANDRA LA CAPRIA
GIANMARCO TOGNAZZI

Ricerca il film su DVD

Trama TUTTI GLI ANNI, UNA VOLTA L'ANNO
E' una tradizione, per un gruppo di amici, quella di riunirsi per una cena annuale in un ristorante cittadino. L'organizzatore è un ex-prefetto in pensione, Lorenzo. Ma c'è una novità: di Filippo, improvvisamente morto da poco, si legge una lettera, quando tutti (tranne Giuseppe, sempre in ritardo) sono seduti a tavola. La missiva viene letta dal notaio Romano: essa contiene una proposta assolutamente insolita. Al defunto piacerebbe infatti che tutti gli amici sessantenni andassero a vivere in totale armonia in un antico convento in Umbria, che ha comprato e stava restaurando. Ma i convitati non accettano l'idea di quella specie di comunità sodale: Francesco e soprattutto sua moglie Laura hanno problemi personali; Anna Maria, nubile, è molto impegnata nel suo lavoro e trova assurda la proposta; Mario ha a Roma una giovanissima amante (per caso la vede nel ristorante con un giovane); Ginevra non è tipo da eremo. Quanto a Raffaele, egli è un eccentrico burlone con preoccupazioni cardiovascolari ed un figlio, Davide, che si occupa delle bizzarrie paterne. Messa ai voti, la proposta trova un solo favorevole: da qui sospetti e allusioni. Poi si scopre che la lettera di Filippo non è affatto del morto: è stato il pigro e sornione notaio a scriverla, poiché in realtà il convento appartiene proprio a lui. All'arrivo di Giuseppe, un'altra sorpresa: egli si trova agli arresti domiciliari come indiziato per tangenti e l'idea di un trasferimento in Umbria sembra sollecitarlo molto. A notte fonda, il goliardico Raffaele ha un grave malore: viene chiamata un'ambulanza, ma questi si riprende. Poco dopo gli infermieri porteranno via un infartuato: è il vecchio e simpatico proprietario del ristorante.

 
Commenti inseriti: 0

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it