Recensioni film
 
Cerca titolo esatto
 
Recensioni Film
ALLEGORICO
ANIMAZIONE
ARTI MARZIALI
AVVENTURA
AZIONE
BIBLICO
BIOGRAFICO
COMICHE
COMICO
COMMEDIA
CORTOMETRAGGIO
DOCUMENTARIO
DRAMMATICO
FAMILY
FANTAPOLITICO
FANTASCIENZA
FANTASY
FAVOLA
GIALLO
GROTTESCO
GUERRA
HORROR
INCHIESTA
MEDIOMETRAGGIO
MELODRAMMA
METAFORA
MITOLOGICO
MUSICALE
NOIR
OPERETTA
PARODIA
POLITICO
POLIZIESCO
PROGRAMMA TELEVISIVO
PSICOLOGICO
RELIGIOSO
ROMANTICO
SATIRICO
SENTIMENTALE
SOCIALE
SPIONAGGIO
SPORTIVO
STORICO
SURREALE
TELEVISIVO
THRILLER
TRAGICOMMEDIA
WESTERN

LA SINDROME DI STENDHAL

LA SINDROME DI STENDHAL
GenereTHRILLER
Anno1996
Durata117m
PaeseITALIA
Ispirato aISPIRATO DAL LIBRO OMONIMO DI GRAZIELLA MAGHERINI
 
RegiaDARIO ARGENTO
Attori
ASIA ARGENTO
THOMAS KRETSCHMANN
MARCO LEONARDI
LUIGI DIBERTI
PAOLO BONACELLI
JULIEN LAMBROSCHINI
JOHN QUENTIN
LORENZO CRESPI
MARIO DIANO
FRANCO DIOGENE
LEONARDO FERRANTINI
VERA GEMMA
SANDRO GIORDANO
MICHAEL KAPLAN
VERONICA LAZAR
CINZIA MONREALE
MAXIMILIAN NISI
JOHN PEDEFERRI
LUCIA STARA
SONIA TOPAZIO
ELEONORA VIZZINI

Ricerca il film su DVD

Trama LA SINDROME DI STENDHAL
Una giovane, Anna Manni, mentre visita il museo degli Uffizi a Firenze è colta da inspiegabili allucinazioni alla vista dei quadri esposti e sviene. Dalla borsetta sono scomparsi la pistola e i documenti: un giovane le paga il taxi per l'albergo. Qui, guardano la riproduzione della Ronda di Rembrandt appesa alla parete, Anna "entra" nel quadro e ricorda d'essere un'agente della polizia romana incaricata di seguire le tracce di un maniaco stupratore, divenuto anche omicida, a Firenze. Costui si presenta nella sua stanza e la violenta, dileguandosi dopo averle ucciso davanti agli occhi una vittima. Sotto choc, Anna va da uno psicologo, Cavanna, che le diagnostica la sindrome di Stendhal, una sensibilità morbosa alle opere d'arte. Il medico la consiglia di riposarsi presso la sua famiglia, a Viterbo. Qui ritrova i fratelli e tenta di incontrare le donne violentate dal bruto, che ora ha un nome, Alfredo. Uccisa la scorta che le era stata assegnata dal suo capo, l'ispettore Manetti, il killer la rapisce portandola in una tomba etrusca, presso una cascata, dove la violenta, lasciandola legata. Anna, liberatasi, dopo una colluttazione sanguinosa riesce a sopraffare l'uomo e a gettarlo nel torrente. Mentre le ricerche del corpo procedono a vuoto, ed un suo collega, Marco Longhi, vigila su di lei, Anna si mette una parrucca bionda e dà segni di squilibrio: sembra che il mostro sia in qualche modo penetrato in lei alterandone i comportamenti. L'incontro con Marie, un giovane francese studente di belle arti, sembra ridarle un po' di serenità, ma questi viene trovato ucciso al museo dove le ha dato appuntamento. Nella notte bussano alla porta: è lo psichiatra che cerca di farla ragionare. Successivamente quando Marco le comunica che Alfredo è stato ripescato, lei, sotto l'incalzare dei sospetti del medico, uccide questi, ed elimina anche Marco che cerca di sottrarle l'arma. Vaga poi impazzita per la città, finché la polizia non la blocca.

 
Commenti inseriti: 3
Autore: AlvaroneFan87 - 20.03.2008
...ups! sono io che ho scritto il commento anonimo...!!

Autore: - 20.03.2008
Bellissimo! Nonostante le forti urla delle vittime del sadico (soprattutto quelle di Asia Argento) e il copione della figlia del regista per il quale il suo personaggio è fissata col fare l'amore (vedi la scena in cui Anna cerca insistentemente di convincere Marco ad avere un rapporto sessuale con lei...), questo film mi è piaciuto molto e Asia fa paura solo a vederla, ve lo consiglio!

Autore: zeder - 27.02.2007
Argento ha dato sicuramente il suo meglio in passato, più precisamente nel mitico periodo che va da "L'uccello dalle piume di cristallo" (1969) a "Tenebre" (1982). Comunque tra i suoi film dell'ultimo decennio questo è sicuramente il mio preferito, un thriller teso e violento, senza molte cadute di ritmo. Anche Asia Argento, attrice secondo me molto sopravvalutata, qui funziona abbastanza.

Film scontati
film.zam.it © 2005, Eventuali comunicazioni , segnalazioni e broken links possono essere inviati alla Redazione
Le schede e gli articoli pubblicati su zam.it possono essere riprodotti liberamente, a condizione che si specifichi l'autore e il link film.zam.it